UNA FILARE HF "STEALTH"

27/01/2006

Prosegue con questo articolo, la serie di proposte di Roberto IW2EVK, questa volta, ci presenta una semplice antenna per le HF filare, che Ŕ possibile costruire a costi ridotti.

PREMESSA: Con la possibilita' di trasmissione in Hf agli Iw si e' di fatto venuta a creare la richiesta di sistemi di antenna HF di tipo semplificato e di facile installazione. In taluni casi (come il mio), l'installazione di antenne radioamatoriali in condominio e' male tollerata. Come e' possibile allora accedere alla fetta delle HF, dove, specie sulle bande basse le antenne hanno dimensioni non facilmente occultabili?

In effetti esistono sia i loop magnetici che le antenne EH, ma hanno oltre ai vantaggi alcuni problemi.

Le eh sono antenne tipicamente monobanda, per cui se e' possibile nasconderne una, quando le bande aumentano la cosa diventa difficile. Le loop , a causa delle loro forme, sono discretamente visibili, e sulle bande basse il diametro aumenta. Inoltre sono difficili da costruire per chi non ha buone conoscenze meccaniche e adatte attrezzature d'officina. Restano le filari, del tipo LONG WIRE o RANDOM.

Se si ha il famoso accordatore remoto telecomandato e stagno da porre all'inizio filare tutto e' risolto, TRANNE IL PROBLEMA DEL PREZZO.

Infatti, se andate a dare un'occhiata ai prezzi del nuovo di questi accessori, vi accorgerete che con gli stessi euro potete quasi acquistare un decametrico usato. Che fare allora?

DESCRIZIONE: l'antenna che verra' illustrata e' del tipo RANDOM (casuale, in italiano). La lunghezza puo' spaziare da un minimo di 7,5 mt sino a oltre 10. La copertura, con un minimo di efficienza, parte dai 7 MHZ usando un filo da l=7,5 mt e sale sino ai 28 MHZ (50 MHZ con cambio di nucleo toroidale).

Il filo usato per questioni di visibiltÓ e' del tipo di rame smaltato da 0,5mm di diametro. Possono essere usati fili di diametro inferiore se supportati da NYLON da pesca di caratteristiche di resistenza adeguata.

Il sistema di accoppiamento fra i 50 ohm del cavo proveniente dall'rtx in stazione e l'impedenza della filare e' il famoso UN-UN (sbilanciato /sbilanciato) 4:1 gia' trattato piu' volte

Questo porta ad una serie di vantaggi non trascurabili:

  1. Copertura a larga banda in trasmissione e ricezione.

  2. Eliminazione di tensioni statiche sull'antenna (risulta a terra per la continua , vedere schema elettrico del UN-UN di IV3SBE)

  3. Possibilita' di aggiustamento del ros d'antenna IN STAZIONE  tramite accordatore.

  4. Uso della struttura metallica del balcone come contrappeso , eliminando il problema della terra che' di difficile soluzione ai piani alti dei condomini.

  5. Facilita' di autocostruzione con buon rapporto prezzo/prestazioni

  6. Semplicita' di installazione, anche in spazi non totalmente liberi.

MATERIALE OCCORRENTE:

COSTRUZIONE:

Prendete il toroide, ed aiutandovi con gli schemi elettrici e di montaggio (tratti dal sito di IV3SBE), avvolgete sul toroide la piattina rosso nera.Tenete il piu' possibile serrato il filo al nucleo, aiutandovi bloccando l'inizio e la fine avvolgimento con 2 fascette strette e tagliate poi a filo del collarino.A seconda del vostro filo rosso nero possono venire avvolte da 14 a 19 spire serrate(non critico).

Lasciate circa 7 cm di filo libero, sguainate per circa 1 cm e stagnate con cura le 4 estremita'. Verificate la posizione dei fori per PL antenna e terra sulla vostra scatola, punzonate e poi forate con diametro adatto.(N.B. L'uso del Pl femmina non e' obbligatorio, personalmente sono entrato nella scatola direttamente con il cavo per saldarmi al UN-UN: i 5w dallo Yaesu 817 sono pochi per perderli in transizioni!).

Saldate i fili come da schemi di montaggio, serrando con forza i dadi.

I capicorda devono essere obbligatoriamente stagnati al filo.

Fissate il toroide nella scatola in modo che, dopo aver serrato i fili con i capocorda alle viti M4 non possa piu' muoversi (usare silicone o fascette).

 

DISGRESSIONE SULLE SCATOLE "STAGNE" E SUL CODICE IP

Molte volte viene citato il termine "stagna", "per esterno" , "IP65".

Per evitare che qualcuno vi venda cose non volute, diamo una breve occhiata al CODICE IP .Il codice IP definito dalle norme DIN 40050 definisce la resistenza alla penetrazione di corpi estranei e acqua di un contenitore.

    PRIMA CIFRA

 PROTEZ. PENETRAZIONE

 SPIEGAZIONE

         0

 NESSUNA PROTEZIONE

 NESSUNA PROTEZIONE

         1

 GROSSI CORPI ESTRANEI

NON ENTRA CORPO >50 mm

         2

 CORPI MEDIA GRANDEZZA

NON ENTRA CORPO >12 mm

         3

 PICCOLI CORPI ESTRANE

NON ENTRA CORPO>2,5 mm

         4

 CORPI GRANULARI

NON ENTRA CORPO> 1 mm

         5

 DEPOSITI DI POLVERE

PROTEZIONE DA POLVERE

         6

 ENTRATA DI POLVERE

IMPOSSIBILE ENTRATA

La prima cifra del codice indica quindi la protezione dalla penetrazione di CORPI: i valori li vedete nella tabella qui' sopra.

La seconda cifra invece descrive la protezione all'ACQUA , e la tabella e quella che segue..

   SECONDA CIFRA

  PROTEZIONE ALL'ACQUA

 SPIEGAZIONE

         0

 NESSUNA PROTEZIONE

 NESSUNA PROTEZIONE

         1

 GETTI ACQUA VERTICALI

 RESIST.GOCCE VERTIC.

         2

 GOCCE ACQUA OBLIQUE

 Gocce inclinate              15 - 90 ░

         3

 VAPORI D'ACQUA

 Gocce inclinate      60 - 90 ░

         4

 SPRUZZI D'ACQUA

 NON ENTRA ACQUA

         5

 GETTI D'ACQUA

 NON ENTRA ACQUA

         6

 INONDAZIONE

 Immersione temporanea

         7

 IMMERSIONE

 Resiste per tempo

 e pressione indicati

         8

 IMMERSIONE COMPLETA

 STAGNA ALL'IMMERSIONE

Quindi una scatola IP55 resiste ai DEPOSITI DI POLVERE(1 cifra) e ai GETTI D'ACQUA (2 cifra).

Ritorniamo ora alla nosta antenna, sperando di aver chiarito la faccenda dei gradi IP quando si mette all'esterno qualche cosa..

Spelate il filo da 1,5mm flessibile e da un lato applicate il capicorda a occhiello serrando con cura e stagnando. Sguainate l'altra estremita' per circa 5 cm.Carteggiate ora una delle estremita' del filo di rame smaltato e, dopo averlo strettamente intrecciato con il filo flessibile , stagnate con cura per riunirli.Questo serve a evitare che flessioni del filo causate dal vento o da dilatazioni termiche agiscano sul punto di unione capocorda/cavo.Infatti il filo flessibile e' di sezione maggiore e sopporta meglio queste sollecitazioni rispetto a quello rigido smaltato.

 

INSTALLAZIONE

Portatevi sul punto da cui intendete iniziare a tendere il filo.Verificate il punto di fissaggio dalla scatola contenente il nucleo toroidale e fissatela.Individuate il punto di arrivo prescelto.Osservate con cura che il percorso NON INCROCI LINEE ELETTRICHE O TELEFONICHE,PIANTE,STRADE DOVE POSSANO TRANSITARE VEICOLI CHE INTERCETTINO IL FILO.Stendete il filo e una volta arrivati vicino al supporto terminale, fatelo passare attraverso 2 buchi del bottone.Ritorcete piu' volte ad occhiello il cavo in modo che non si sfili.Negli altri 2 fori del bottone fate passare il filo di Nylon doppiato e agganciatelo al supporto prescelto.Non tendete il filo: lasciate leggermente lasco per compensare abbassamenti di temperatura e vento.Collegate al lato terra del UNUN il cavetto di massa(o il collegamento al contrappeso).Siete ora pronti per trasmettere.

Eventuali situazioni di ROS alto su alcune frequenze possono venir aggiustate con un accordatore in stazione.

Ovviamente, per chi non ha problemi di condominio, il filo potra' essere sostituito da cavetto flessibile da 2,5 mm isolato.Volendo si potra' aggiungere sul morsetto di collegamento il simbolo di "Onde radio" per evitare che qualcuno toccando durante la trasmissione prenda qualche "pizziccotto" da RF.

 

BIBLIOGRAFIA

ANTENNE VOL2 NERIO NERI EDIZ. C&C per la trattazione dell'impedenza delle filari e delle antenne in generale rispetto alla frequenza.

IK1QLD Angelo Brugnero : pagina internet "L'antenna per le attivazioni in HF portatile di Ik1QLD" in cui viene descritta una antenna verticale portatile basata sullo stesso principio d'uso del UN_UN

Il sito di IV3SBE dove viene spiegato con cura il principio del UNUN e trovate anche notizie inerenti ai balun e a un altra antenna verticale simile a quella precedente.

La pagina "progetti" del sito ARI di Magenta: www.arimagenta.it ove e' descritto un Balun 9:1 per filari in ricezione

La pagina tecnica del sito di IK2DUV dove trovate un link dedicato ai TOROIDI AMIDON

Non resta che salutarvi e a risentirci in HF.

Saluti.

PS: dove trovo il cavo?

MICROFUNI DINAMID SRL - VIALE LOMBARDIA 10 PREGNANA M.SE
TEL 02/93591076 - FAX 02/93591076
CAVETTO INOX diam 0.7 SALDABILE

Roberto IW2EVK

 

 

ARI - SEZIONE DI MAGENTA 20.06
Via Isonzo n. 57 - 20013 Magenta (MI)
Fraz. Ponte Vecchio di Magenta (MI) c/o Scuole Elementari “C.Lorenzini”
Apertura sede ogni venerdý dalle 21.00 alle 23.00 -/- e-mail: info@arimagenta.it

 

 

Pagina realizzata da IW2NTF